La competenza - © Studio Notarile Filippo Barsanti | Scandicci | Firenze | Toscana

Vai ai contenuti

Menu principale:

La competenza

INFORMAZIONI

Informazioni / La competenza del Notaio

 
Uffici e Contatti


       Sede
       Scandicci (FI)

       Via Pantin, 26
       T. +39 055-7350326

       F. +39 055-7350326
       
fbarsanti@notariato.it      


       Ufficio secondario

       Firenze

       Via Leonardo da Vinci, 4/a
       T. +39 055-589177

       F. +39 055-589177
       
fbarsanti@notariato.it      

       Biglietto da visita

Dove siamo
Le Guide del Notariato
Multimedia


La competenza del Notaio

Il notaio è un pubblico ufficiale istituito per ricevere gli atti tra vivi (cioè vendite, permute, divisioni, mutui ecc.) e di ultima volontà (cioè testamenti), attribuire loro pubblica fede, conservarli e rilasciarne copie, certificati (e cioè riassunti) ed estratti (e cioè copie parziali) (art. 1 legge not.).

L'atto redatto dal notaio è un atto pubblico, perchè il notaio è autorizzato ad attribuirgli pubblica fede (perciò è un pubblico ufficiale) e come tale ha una particolare efficacia legale: quello che il notaio attesta nell'atto notarile (es.: che ha letto l'atto davanti alle parti, o che una persona ha fatto o ha sottoscritto una dichiarazione davanti a lui) fa piena prova (cioè deve essere considerato vero, anche dal giudice), salvo che sia accertato il reato di falso.

La legge prescrive l'atto notarile per quegli atti e contratti dei quali vuol garantire al massimo grado la legalità, l'identità delle parti e la conformità alla loro volontà, perchè li considera di maggiore importanza:

- per il loro contenuto economico-sociale o per la loro complessità (es.: vendite, divisioni, mutui ed altri contratti immobiliari, atti costitutivi di società commerciali e modificativi di statuti sociali, costituzioni di associazioni che intendono ottenere la personalità giuridica, ecc);

- per gli effetti che producono in relazione allo stato civile di una persona (es.:riconoscimento di un figlio naturale); per l'interesse pubblico alla libera manifestazione della volontà di una persona ed alla sua precisa traduzione in linguaggio giuridico (es.: testamento, donazione).


tratto da www.notariato.it


 
Torna ai contenuti | Torna al menu